Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
Previous Next
Data : 2017-04-01
2
Previous Next
Data : 2017-04-02
3
Previous Next
Data : 2017-04-03
4
Previous Next
Data : 2017-04-04
5
Previous Next
Data : 2017-04-05
6
Previous Next
Data : 2017-04-06
7
Previous Next
Data : 2017-04-07
8
Previous Next
Data : 2017-04-08
9
Previous Next
Data : 2017-04-09
10
Previous Next
Data : 2017-04-10
11
Previous Next
Data : 2017-04-11
12
Previous Next
Data : 2017-04-12
13
Previous Next
Data : 2017-04-13
14
Previous Next
Data : 2017-04-14
15
Previous Next
Data : 2017-04-15
16
Previous Next
Data : 2017-04-16
17
Previous Next
Data : 2017-04-17
18
Previous Next
Data : 2017-04-18
19
Previous Next
Data : 2017-04-19
20
Previous Next
Data : 2017-04-20
21
Previous Next
Data : 2017-04-21
22
Previous Next
Data : 2017-04-22
23
Previous Next
Data : 2017-04-23
24
Previous Next
Data : 2017-04-24
25
Previous Next
Data : 2017-04-25
26
Previous Next
Data : 2017-04-26
27
Previous Next
Data : 2017-04-27
28
Previous Next
Data : 2017-04-28
29
Previous Next
Data : 2017-04-29
30
Previous Next
Data : 2017-04-30
vetrina
Sopra Potenza | Corso XVIII Agosto 1860
Chianchetta | Via Stefano Iosa 5 - Rione Lucania
Poggio Tre Galli | Via Parigi 47-49
testimonianze
Conduttore televisivo

La sera del 31 dicembre 2016 lo sguardo dell’Italia è stato puntato su Potenza, regina per una notte da piazza Mario Pagano. A fare da collante è stato il conduttore Amadeus, supportato da Teo Teocoli. Ravennate di nascita, siciliano di origini, Amedeo Umberto Sebastiani vive tra Roma e Milano e ha una moglie napoletana; per questo il presentatore si sente un italiano a tutto tondo e anche se in Basilicata c’è stato solo in occasione de “L’anno che verrà” trasmesso da Matera nel 2015, qui, ormai, si sente a casa.

Il tuo secondo capodanno in Basilicata, la tua prima volta a Potenza. Che impatto hai avuto con la città? Mi sono sentito accolto e atteso. Il potentino, come il lucano e l’italiano, ha un senso dell’ospitalità spiccato, famoso nel mondo. Un atteggiamento che ci rende diversi anche all’estero. Qui ho percepito ancora più forte questa capacità di accoglienza, di creare calore, famiglia, ma soprattutto ho conosciuto persone giustamente orgogliose della loro terra.

continua a leggere >
mappa